TEATRO ASTRA - BELLARIA

I due marescialli - con Totò, Gianni Agus, Vittorio De Sica, Arturo Bragaglia, Olimpia Cavalli
Giovedì 29 Ottobre 2020 - ore 21:00
Cineriz

I due marescialli

Rassegna "I grandi Classici della risata italia"
Regia Sergio Corbucci
Con Totò, Gianni Agus, Vittorio De Sica, Arturo Bragaglia, Olimpia Cavalli
Musiche Piero Piccioni


Una coppia "campana" a tutti gli effetti per il terzo appuntamento della rassegna "I grandi Classici della risata italiana"!

La storia ha per protagonisti due tipiche figure di tante sceneggiature cinematografiche: la guardia e il ladro. La guardia è il maresciallo Vittorio Cotone, Vittorio De Sica; il ladro, Antonio Capurro, Totò.
Nelle primissime scene de I due marescialli, il ladro Totò, vestito da sacerdote, ruba una valigia nella stazione di Scalitto con la tecnica della "valigia a scatto". Viene subito arrestato dal maresciallo Cotone. A seguito di un bombardamento, Totò scappa, dopo aver fatto a cambio di abito con il maresciallo che, nel frattempo, aveva perso conoscenza. Totò, pertanto, acquisisce l'identità del maresciallo Cotone.
Sfortunatamente per lui è l'otto settembre 1943 e, a seguito della resa dell'Italia e della fuga del re, i carabinieri non vivono il loro momento migliore: chi di loro non aderisce al regime nazi-fascista, viene immediatamente passato per le armi. Il maresciallo Totò, suscitando l'indignazione dei notabili di Scalitto, "aderisce incondizionatamente" alla causa tedesca, salvando la pelle e diventando il severissimo comandante della Stazione dei Carabinieri di Scalitto.
Le cose si complicano quando il vero maresciallo Cotone, De Sica, vestito da prete, ricompare sulla scena: i due marescialli s'incontrano e quello vero cerca di mettersi in contatto con la fidanzata che avrebbe dovuto sposare proprio in quei giorni. La storia va avanti tra mille equivoci e gustose situazioni, caratterizzate, tra l'altro, dai due "cattivi": un truce tenente tedesco e un imperdibile podestà fascista.
Il ladro Totò, per salvare alcuni ricercati, si mette nei guai e viene condannato a morte. Il vero maresciallo Cotone non riesce a farsene una ragione, ben sapendo di aver contribuito, con il suo comportamento, alle disgrazie del ladro.
Dopo vent'anni, il maresciallo Cotone, ormai in pensione, con la sua famiglia torna a Scalitto e ricorda ancora una volta la triste storia del ladro Capurro, fucilato dai tedeschi per colpa sua. Ma proprio in quel momento, un domenicano gli ruba la valigia con il noto sistema della valigia a scatto. E' ancora lui, Antonio Capurro, più vivo che mai!

Commedia, b/n durata 92 min. - Italia 1961.

Ingresso: 3 euro (tariffa unica)
c/o Cinema Teatro Astra di Bellaria Igea Marina
Viale Paolo Guidi 77/e
Mercoledì: 11- 13
Giovedì, Venerdì, Sabato: 17- 19
Il giorno della proiezione la biglietteria aprirà alle 20:00

mail: biglietteria@teatroastrabim.it
tel:+39 0541 1411345

TORNA ALLA LISTA
Realizzazione Siti Internet e Web Marketing Rimini | Adria Web